Notizie in Primo Piano

47 Expo del Chianti Classico

Dal 7 al 10 settembre gli appassionati di vino di tutto il mondo arrivano a Greve in Chianti

Chianti Classico capitale del vino: a Greve ultimo giorno di Expo

Tutto il programma di una giornata da vivere e assaporare fino in fondo

Chianti Classico, giro fra i produttori all'Expo: "Il 2015? Sarà un'ottima annata"

Giudizi unanimi: "Uva matura e perfetta. L'annata pare davvero destinata a essere eccezionale"

Il direttore generale del Consorzio Chianti Classico in visita all'Expo: "Qualità dei vini eccezionale"

Giuseppe Liberatore: "Siamo a un livello medio straordinario. Il 2015? Si presenta come un'annata favolosa"

Expo del Chianti Classico 2015: taglio del nastro nel segno dell'unità

Presenti i sindaci del Chianti, due assessori regionali, il presidente del Consorzio Vino Chianti Classico

Expo Chianti Classico: il via alle 17. E Il Gazzettino aggiorna il sito ufficiale

La redazione del quotidiano on line chiantigiano al lavoro su www.expochianticlassico.com

Il Gallo Nero canta all'Expo, un'unica grande vetrina a Greve in Chianti

Oltre 60 aziende in mostra dal 10 al 13 settembre in piazza Matteotti

Expo Chianti Classico numero 45: Greve diventa culla del grande Rinascimento del vino

La rassegna nel 2014 in soli quattro giorni è stata presa d’assalto da circa 15mila enoturisti

Gli "omini che fanno cose" di Luca Carfagna: un'icona dell'Expo di Greve

L'artista panzanese e le sue figure umane stilizzate sulla juta: "Energiche ed ironiche"

"Il Chianti Classico vola. Siamo quasi ai livelli pre crisi"

L'analisi del direttore del Consorzio Vino Chianti Classico alla vigilia del 45esimo Expo

Che notizia! Nel 2016 tappa del Giro d'Italia nel Chianti Classico

Una cronometro di 40 km con partenza da Radda e arrivo a Greve in Chianti

Chianti Classico: "L'annata? Prospettive ok, ma i conti si fanno a fine settembre"

Alla vigilia dell'Expo, il tecnico Dario Parenti fa le previsioni: "La denominazione? La vedo in grande ripresa"

Expo Chianti Classico, Remaschi: "Qualità del prodotto l'arma vincente"

L'assessore regionale all'agricoltura: "Una vetrina di grande importanza per tutti i produttori"

Aspettando la 45° Edizione "Expo del Chianti Classico"

L'anno del Record di Cantine in Piazza

Twitta il tuo Assaggio Preferito

A cosa serve l'hashtag ufficiale dell'Expo? Scopritelo!

Chianti Classico e Chianti: 2 vini diversi

...ogni 5 minuti nel mondo queste parole sono utilizzate in modo sbagliato per definire due vini il cui nome e provenienza non sono chiari al pubblico: Chianti e Chianti Classico.

Il Vino Chianti Classico

Scoprite cos'è il Vino Chianti Classico

>> Archivio News

Seguici

Chianti Classico, giro fra i produttori all'Expo: "Il 2015? Sarà un'ottima annata"

Un’ottima annata. È il giudizio praticamente unanime dei produttori di vino chiantigiani presenti in questi giorni all’Expo del Chianti Classico a Greve in Chianti.

Fatti tutti gli scongiuri del caso, infatti, per il 2015 ci si aspetta una vendemmia coi fiocchi. Passeggiando per i padiglioni della rassegna abbiamo sentito alcuni dei produttori presenti.

Di “uva perfetta” parla Paolo Baldini, dell’azienda Altiero di Greve, una produzione di 14.000 bottiglie e quattro tipi di vino imbottigliato.

“E’ un’uva sana - spiega - che non ha sofferto il clima arido e non ha avuto bisogno di molti trattamenti, e ha un gran colore”.

Anche Baldini, come altri, anticiperà di qualche giorno la vendemmia ma non di così tanto come avrebbe pensato un mese fa. Il Sangiovese ha ancora un tasso di acidità troppo alto e dunque si arriverà più o meno al termine canonico.

Sulla stessa lunghezza d’onda è Lorenzo Sieni dell’azienda Montefioralle, per il quale ci sono tutte le premesse per un’annata “top”, in cui si abbineranno qualità e quantità.

Spostandoci nel Chianti senese sentiamo l’azienda Caparsa di Radda in Chianti, che produce circa ventimila bottiglie all’anno.

Secondo Federico Cianferoni “l’annata parrebbe eccezionale, anche se per quanto ci riguarda ci siamo difesi anche lo scorso anno quando le condizioni meteo hanno portato qualche problema all’uva di tante aziende”.

Buone sensazioni anche per Casa Sola di Barberino Val d’Elsa, il cui “portavoce” Andrea Tarrini, presente allo stand, racconta di un merlot già vendemmiato e di “un buon lavoro di diradamento del Sangiovese che ha sicuramente influito in positivo sulla qualità”.

La vendemmia (e parliamo in particolare di quella delle uve Sangiovese) sarà attorno al 20 settembre, ovvero circa dieci giorni prima rispetto agli anni passati.

Infine due aziende grevigiane di piccole dimensioni ma sicuramente indicative per avere il polso della situazione.

Maurizio Brogioni, dell’omonima azienda, non usa mezzi termini e parla di annata “eccezionale”. “Il Merlot e il Syrah sono a 14 gradi e mezzo, le uve sono tutte sane, non ci sono muffe e la gradazione è perfetta: se non è un’annata ottima questa!” dice entusiasta al Gazzettino del Chianti.

Prevedendo anche una importante raccolta delle olive “che finalmente sono sane e ci consentiranno almeno di rifare una produzione di olio sui livelli normali”.

Conferma Sabrina Manetti, dell'azienda agricola Sagrona, che con una punta di cautela in più parla di... “buone premesse”.

A questo scenario, però, fa da sfondo per contrasto la questione, rilevata da molti produttori, degli ungulati.

Cinghiali, caprioli e daini hanno infatti compiuto delle vere e proprie “stragi” di uva e germogli. Un problema che, è l’appello convinto e unanime dei viticoltori chiantigiani, dovrà essere affrontato e risolto con la massima urgenza.

 

Articolo tratto da www.gazzettinodelchianti.it.