Notizie in Primo Piano

Chianti Classico capitale del vino: a Greve ultimo giorno di Expo

Tutto il programma di una giornata da vivere e assaporare fino in fondo

Chianti Classico, giro fra i produttori all'Expo: "Il 2015? Sarà un'ottima annata"

Giudizi unanimi: "Uva matura e perfetta. L'annata pare davvero destinata a essere eccezionale"

Il direttore generale del Consorzio Chianti Classico in visita all'Expo: "Qualità dei vini eccezionale"

Giuseppe Liberatore: "Siamo a un livello medio straordinario. Il 2015? Si presenta come un'annata favolosa"

Expo del Chianti Classico 2015: taglio del nastro nel segno dell'unità

Presenti i sindaci del Chianti, due assessori regionali, il presidente del Consorzio Vino Chianti Classico

Expo Chianti Classico: il via alle 17. E Il Gazzettino aggiorna il sito ufficiale

La redazione del quotidiano on line chiantigiano al lavoro su www.expochianticlassico.com

Il Gallo Nero canta all'Expo, un'unica grande vetrina a Greve in Chianti

Oltre 60 aziende in mostra dal 10 al 13 settembre in piazza Matteotti

Expo Chianti Classico numero 45: Greve diventa culla del grande Rinascimento del vino

La rassegna nel 2014 in soli quattro giorni è stata presa d’assalto da circa 15mila enoturisti

Gli "omini che fanno cose" di Luca Carfagna: un'icona dell'Expo di Greve

L'artista panzanese e le sue figure umane stilizzate sulla juta: "Energiche ed ironiche"

"Il Chianti Classico vola. Siamo quasi ai livelli pre crisi"

L'analisi del direttore del Consorzio Vino Chianti Classico alla vigilia del 45esimo Expo

Che notizia! Nel 2016 tappa del Giro d'Italia nel Chianti Classico

Una cronometro di 40 km con partenza da Radda e arrivo a Greve in Chianti

Chianti Classico: "L'annata? Prospettive ok, ma i conti si fanno a fine settembre"

Alla vigilia dell'Expo, il tecnico Dario Parenti fa le previsioni: "La denominazione? La vedo in grande ripresa"

Expo Chianti Classico, Remaschi: "Qualità del prodotto l'arma vincente"

L'assessore regionale all'agricoltura: "Una vetrina di grande importanza per tutti i produttori"

Aspettando la 45° Edizione "Expo del Chianti Classico"

L'anno del Record di Cantine in Piazza

Twitta il tuo Assaggio Preferito

A cosa serve l'hashtag ufficiale dell'Expo? Scopritelo!

Chianti Classico e Chianti: 2 vini diversi

...ogni 5 minuti nel mondo queste parole sono utilizzate in modo sbagliato per definire due vini il cui nome e provenienza non sono chiari al pubblico: Chianti e Chianti Classico.

Il Vino Chianti Classico

Scoprite cos'è il Vino Chianti Classico

>> Archivio News

Seguici

Gli "omini che fanno cose" di Luca Carfagna: un'icona dell'Expo di Greve

Da qualche anno sono un’icona dell’Expo del Chianti Classico, così come il Gallo Nero lo è del vino.

Sono gli “omini che fanno cose”, le figure umane stilizzate che animano i grandi striscioni di juta appesi alla facciata del palazzo comunale e che l’artista torinese di nascita ma panzanese di adozione Luca Carfagna disegna da un decennio.

Il vino, però, come racconta lo stesso artista, è un pretesto per queste figure che vivono di vita propria e si fondono con il contesto che li ospita.

"Ogni volta che li faccio - spiega Carfagna - ci metto un’energia nuova e questa manifestazione sicuramente mi dà un grande stimolo".

Alcune di queste rappresentazioni sono sequenze di una stessa azione, altre raffigurano un unico personaggio che fa azioni diverse (o che, semplicemente, non fa niente).

Ma tutte le opere sono accomunate da due elementi che Carfagna ritiene imprescindibili: "Energia ed ironia, questo devono suscitare in me e in chi li guarda. E ogni volta è come se lanciassi queste figure su un argomento, e loro poi si danno da fare per creare situazioni ironiche e far divertire".

Carfagna, 49 anni, è arrivato nel Chianti nel 2004 dopo aver lavorato in varie parti d’Italia e d’Europa, soprattutto in Spagna. È proprio a Barcellona che sono nati gli “omini”.

La scelta di risiedere nel Chianti è stata abbastanza casuale, ma convinta. "Mio fratello vi abitava già - racconta - e dopo esserci arrivato quasi per caso, per vendemmiare, l’ho subito ritenuto un luogo interessante. Ci sono tante possibilità per fare questo lavoro e per mostrarlo, grazie ai tanti mercati e alle fiere organizzati sul territorio".

E proprio a Panzano, dice ancora, c’è un’atmosfera speciale che favorisce la creatività: "Qui un artista... tira l'altro, dall'estero e da altre parti d'Italia. È una dimensione giusta, un paese piccolo ma senza gli aspetti e i riti della provincia come la passeggiata in centro del sabato pomeriggio".

Nonostante il legame stretto con il vino, Carfagna (che nei giorni dell’Expo sarà con una propria postazione in piazza Matteotti) non ha mai disegnato un’etichetta di Chianti Classico.

"In realtà - ci rivela - ne ho fatta una per un vino austriaco, ma il risultato non è stato soddisfacente. Credo però che se mi ricapitasse un lavoro del genere potrei produrre qualcosa di molto valido".

Progetti per il futuro? Non per il momento, dice, se non continuare questa attività partecipando a mercati e fiere.

"Non sono fatto per mostre e gallerie - conclude - che richiedono anche una certa attitudine alle relazioni diplomatiche. A me piace il contatto diretto con le persone".

 

Articolo tratto da www.gazzettinodelchianti.it.